MENU

HOMEPAGE Chi siamo Prodotti Privati Negozi Veterinari Allevatori Lavora con noi Blog Contattaci

Cani in spiaggia: come riconoscere i cartelli legali?

Scritto il:

Tutti in spiaggia! Ma per chi ha un cane, le ferie o anche solo le gite fuori porta si trasformano spesso in una lunga ricerca di quell'angolino dove il nostro amico a quattro zampe sia tollerato. Cartelli di divieto di balneazione per gli animali, infatti, rendono la ricerca di una spiaggia in cui i nostri cani siano accettati davvero estenuante!

Durante l'estate, cartelli di divieto di balneazione per gli animali spuntano ovunque, sebbene basterebbe a tale proposito far rispettare la normativa vigente che obbliga i proprietari a tenere al guinzaglio i propri animali e a raccoglierne le deiezioni. Ma attenzione: non tutti i divieti sono legali e regolamentati!

L'associazione per la tutela giuridica della natura e dei diritti animali EARTH (http://earth-associazione.blogspot.it/) consiglia ai proprietari dei cani di controllare che i Comuni abbiano emesso un'ordinanza che preveda il divieto motivato, l'estensione oraria del divieto e che sia firmata dal Sindaco, da un Assessore delegato o dal Comandante dei Vigili urbani, e pubblicata sugli albi pretori dei singoli Comuni.

Se una di queste indicazioni manca, l'ordinanza stessa non è valida. In oltre i cartelli che prevedono tale divieto devono recare sul retro il numero dell'ordinanza comunale di riferimento e la data di scadenza dell'ordinanza che, in quanto atto urgente e contigibile, non vale all'infinito.

 

Per cui se vi verrà chiesto di allontanarvi dalla spiaggia col vostro amico cane, assicuratevi che abbiano il titolo per farlo, altrimenti ogni eventuale multa è impugnabile davanti al Giudice di pace e quindi contestabile! 

Lascia un commento